HP Spectre x360 Le prime impressioni dopo una settimana.

Un grande mostro in 1,36mm

…1,36mm esatto, parlo dello spessore di questo top do gamma HP tutto nuovo nel look e non solo, presentato a fine 2017, e in vendita dal gennaio 2018, questo primo restyling del Spectre di HP stupisce in prestazione, qualità, e design. Scopriamolo meglio.

Specifiche Tecniche

Quello di cui andrò a parlarvi è la versione 2018 da 13,3 pollici, con processore Intel Core i5

  • Schermo 13.3 pollici Full HD WLED / Corning Gorilla Glass / Digitizer Elan / Pannello Chi Mei CMN1376
  • CPU: Intel Core i5-8250U 1.6 – 3.4 GHz / 6 MB di cache / GPU UHD 620 24 EUs
  • RAM: 8 GB di SDRAM LPDDR3-2133 Micron (saldati)
  • Archiviazione: 256 GB PCIe NVMe M.2 Samsung PM961
  • Connettività: Wi-Fi ac Intel 8265 con Bluetooth 4.2
  • Porte: 2 Thunderbolt 3 (40 GB/s, alimentazione, DP1.2, HP Sleep and Charge) / USB 3.1 Gen 1 (HP Sleep and Charge) / Combo cuffia-microfono / Lettore di impronte digitali / microSD
  • Altro: webcam HP TrueVision FHD IR / Microfono Dual-Array / Audio Bang&Olufsen 4 altoparlanti / Tastiera retroilluminata / Penna attiva HP Tilt Pen con ricarica USB-C, supporto tilt e 2 pulsanti configurabili / TPM
  • Batteria: 61 Wh / Alimentatore USB-C: 65 W in 5-9-10-12-15 V

3

Pensieri e Parole

Esattamente una settimana di utilizzo assiduo, sforzato su ogni fronte, il mio PC sta superando tutti i colpi bassi da me inferti, e per ora a pieni voti. La nuova versione del 2018 monta i nuovi processori Intel Core di 8 generazione e le prestazioni ringraziano: Quad Core con otto thread, una potenza straordinaria che dona al sistema una reattività e una fluidità da puro godimento. Insieme al processore abbiamo la GPU Intel HD 620 con 24 EU, con qualche MHz in più rispetto all’anno scorso, Grazie alla piattaforma Kaby Lake-R dell’i5 di ottava gen che può usare più watt ed ha quindi meno vincoli, questo permette alla GPU di restare sugli 800 MHz per tutto il tempo necessario. Un piccolo problema di questo incremento di potenza? si è la durata della batteria, aimè rispetto la versione 2017 perde (seppur poco) in autonomia sotto sforzo.

Le temperature del portatile rimangono davvero ottimali, esternamente non sembra nemmeno di essere a pieno regime, le due ventole poste in alto alla scocca dissipano ,attraverso una sottile feritoia, un ottima quantità di calore e la fantastica qualità costruttiva totalmente in alluminio non permette di surriscaldare la tastiera seppur all’interno ci assestiamo intorno ai 70° sotto sforzo (Esportazione Premier Pro H.264 1080p).
Inevitabile che, le ventole, a pieno regime si sentano, non parliamo di assordanti o fastidiosi sibili, in sè può essere anche un rumore piacevole ma non aspettatevi il silenzio assoluto, le ventole gli servono e lavorano benissimo.

2


Sul Campo

HP Spectre X360 esce bene da tutti i test. Nei montaggi video con Premiere Pro la timeline del software di montaggio video resta fluida, fa usare Lumetri ed effetti basilari in tempo reale, lo Spectre gode del disco SSD Samsung PM961 super veloce per la cache e, quindi, per tutte le “anteprime”. Nei rendering invece stabilizza i quattro core a 1.9 GHz, e assesta la temperatura a 70°, alcuni spunti portano i 4 core fino a 3.4Ghz con temperature fino a 99° ma tutto sempre tenuto sotto controllo dagli ottimi sensori infrarossi interni che gestiscono le ventole, e cosa molto più importante è che l’erogazione della potenza non manda in throttling la macchina. (Il Throttling è quando il processore si depotenzia automaticamente a causa delle alte temperature, una specie di sistema di sicurezza interno che rallenta e fa laggare il PC)

Come riportavo nelle specifiche il Peso è di soli 1290 grammi e abbiamo con noi un alimentatore USB-C scalabile che porta l’autonomia al 50% in un ora (circa il 35% raggiunti nella prima mezz’oretta), HP inoltre garantisce due Thunderbolt 3 da 40 Gbps per espansioni ed uscite, entrambe con doti di carica e di battery bank, una microSD per foto e video, e una classica USB Type-A (non era scontato ci fosse, molti ultrabook di ultima generazione ne fanno a meno, io la trovo ancora fondamentale).

Le prestazioni del nuovo Spectre sono nettamente migliori alla versione precedente e ciò lo mette nell’olimpo dei convertibili; ebbene si convertibili, perchè lo schermo è 360°, e compatibile con Windows Ink e tutti i programmi di disegno digitali grazie allo schermo touch provvisto di digitalizzatore Elan, e viene venduto con la a HP tilt Pen.

4

Abbiamo visto come il sistema di smaltimento del calore permetta di gestire le temperature sotto forte stress con meno compromessi ma In realtà una complicazione c’è: i consumi e, di riflesso, l’autonomia di Spectre X360. La batteria è una 61 Wh, 3 Wh sopra lo scorso anno. il valore di per sè è ottimo notando il peso e le dimensioni , ma in utilizzo classico lo scorso anno arrivava a 10 ore (internet di tutti i giorni, 6 tab su Chrome, schermo e audio al 50%, Skype in background, una capatina su Photoshop) mentre quest’anno si ferma a 7. In stress siamo sulle 2 ore di autonomia.
E’ solo una piccola critica che non potevo non fare, detto questo non è nulla di nuovo dato che questi numeri rimangono nella media dei concorrenti sul mercato, e quindi ribadisco (e non solo io) come lo Spectre x360 rimane il miglior convertibile in commercio (per ora).

Ma non abbiamo ancora parlato della penna, la HP Tilt Pen come dicevo poco fa è inclusa in confezione ed è compatibile con le direttive di Microsoft Pen Protocol. Non si riescono a trovare informazioni esatte sui livelli di pressione,  nemmeno online, ma si sa che la tecnologia utilizzata è la Elan. la penna si ricarica via USB-C che è a scomparsa (bisogna ruotare il tappo per scoprirla) pochi minuti di carica regalano ore e ore di autonomia, è buonissima anche la costruzione in metallo anti-graffio.
Ma veniamo al sodo, tutto molto bello, peccato però che la resa pratica non sia al livello delle Wacom o delle ex-nTrig di Microsoft. C’è quel minimo di latenza e poca precisione quando la pressione è minima, sono cose di poco conto se non si è dei professionisti e si vuole solo scarabocchiare o disegnare qualcosa ogni tanto come me, Fondamentalmente è una penna per appuntare e correggere o scirvere, mi sento di dire che andrà bene al 90% degli occasionali, ma non  agli utenti che cercano i tablet pc da disegno professionale (oltre al fatto che costano uno sproposito perchè questo HP si aggira attorno ai 1200€). Elan potrebbe migliorare i driver, ecco questo sì.

In Conclusione

HP Spectre X360 13 con processore Intel Core di 8° generazione è un portatile migliore della sua precedente versione e questo lo rende, ancora una volta, il miglior convertibile in commercio. I punti di forza di questo Spectre sono sicuramente Prestazioni, ergonomia, touchpad, impianto audio, dotazione di porte, webcam Full HD, sensori e accessori in dotazione (compresa una custodia in simil-pelle nera).
Nota dolente, e unica sottolineerei, è l’autonomia che risulta inferiore all’edizione Dual Core dell’anno passato, ma non al punto da rappresentare un problema.
Sicuramente migliorabile, è la calibrazione di fabbrica e la tecnologia della penna abbinata.
Rimane un acquisto unico e superconsigliato per chi cerca qualcosa di diverso da un Mac o per chi cerca potenza incredibile e design in soli 13 pollici. una settimana e non mi sono ancora stufato.

Avrete notato che ho lasciato all’inizio un video, girato da me, godetevelo! una piccola video review in HD del Hp Spectre x360 13.

Ciao
il gerry

Matteo Sironi

Gerry. Fotografo, Videomaker e Grafico in Pubblicità e Comunicazione. Appassionato di Auto, Gaming, informatica e Scienza

Un pensiero su “HP Spectre x360 Le prime impressioni dopo una settimana.

  • 19 Dicembre 2018 in 03:14
    Permalink

    Ciao, sono in possesso dello stesso pc e concordo pienamente il tutto! Ottima recensione, direi una piccola pecca di coilwine nella tastiera udibile solo ed esclusivamente nelle ore molto silenzione ad esempio quelle notturne. Avrei delle domande: la penna ha delle punte intercambiabili e hp ne intregra due di ricambio nella sua confezione. Guardando un pò online non riesco a trovare i ricambi di queste punte ma solo le penne sia hp tilt pen sia hp active pen con punte di ricambio, ma non solo le punte! Possibile che non si vendano delle punte di ricambio per questa penna? Tutti gli altri produttori forniscono appunto dei ricambi… Seconda domanda: Essendo compatibile con mpp quindi di riflesso con tecnologia n-trig, sai se sia compatibile con la surface pen? Terza domanda: Se fosse compatibile con la surface pen. quest’ultima supporta 4096 livelli di pressione mentre la hp tilt pen 1024. I livelli di pressione sono supportati dalla penna o dal digitalizzatore dello schermo? Perchè se così fosse non avrebbe molto senso cambiare e prendere una penna con più livelli di pressione se il digitalizzatore ne leggerà solo 1024.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.